RISCONTI ATTIVI E PASSIVI

Risconti attivi: sono i costi che, pur essendo di competenza degli esercizi successivi, hanno avuto manifestazione numeraria nel corso dell'esercizio.

Risconti passivi: sono i ricavi che, pur essendo di competenza degli esercizi successivi, hanno avuto manifestazione numeraria nel corso dell'esercizio.

L’importo del risconto è calcolato in funzione del tempo.

Lo schema seguente descrive molto bene il concetto di risconto: manifestazione anticipata del costo o del ricavo.

Esempio risconto attivo

In data 1 febbraio viene stipulato un contratto di assicurazione che prevede il pagamento anticipato di un premio semestrale di 1200 €.
La quota di costo di competenza del successivo esercizio si calcola in questo modo: 1200*1/6 = 200 €.

Sul libro giornale la rilevazione è la seguente:

Il conto “Risconti Attivi” è il conto di reddito acceso ai costi sospesi. Con questa rilevazione, il saldo del conto “Premi Assicurativi” è pari a 2200 € ed esprime il costo dell’esercizio in corso.

Esempio risconto passivo

In data 30 aprile l’azienda concede in locazione un immobile di sua proprietà al canone di 600 € annui. Il canone di locazione viene riscosso ogni trimestre in via anticipata a decorrere dalla data stipulata. La quota di ricavo di competenza dell’esercizio successivo si calcola in questo modo: 150*1/3 =50

 

Sul libro giornale la rilevazione è la seguente:

Il conto “Risconti Passivi” è il conto di reddito acceso ai ricavi sospesi. Con questa rilevazione, il saldo del conto “Fitti Attivi” è pari a 400 € ed esprime il ricavo dell’esercizio in corso.

Come si fa con Edi-Max

I ratei e i risconti misurano proventi e oneri la cui competenza è anticipata o posticipata rispetto alla manifestazione numeraria e/o documentale, devono appartenere a due o più esercizi ed essere ripartibili in funzione del tempo. L'importo deve essere determinato mediate la ripartizione del ricavo o del costo, al fine di attribuire la quota di competenza dell'esercizio in corso e di rinviarne la quota ai successivi.
Tale calcolo viene effettuato in modo automatico da Edi-Max, come riportato sotto.

Nel caso in cui si stia registrando una fattura (acquisto o vendita), la configurazione dei ratei o risconti deve essere effettuata all'interno della scrittura di prima nota relativa al documento; nel caso in cui, invece, si stia registrando un pagamento o incasso non preceduto da fattura, la configurazione dei ratei o risconti deve essere effettuata all'interno della scrittura di prima nota relativa all'operazione.

Risconto attivo

Si supponga di dover registrare il pagamento dell’assicurazione RCA per un importo pari a 1.000 €.
La scrittura contabile relativa a tale tipologia di operazione è la seguente:

Conto DARE AVERE
Assicurazioni RCA 1.000  
Banca XY c/c   1.000

schermata iniziale prima notaPer registrare il pagamento dell’assicurazione RCA con Edi-Max, aprire il menu “Co.Ge.” e selezionare la sezione “Inserimento Prima Nota”.

elenco causaliViene proposto l’elenco delle causali contabili: selezionare la causale relativa al movimento generico (MOVIMENTO GENERICO).

schermata prima notaNella parte superiore della schermata “Prima Nota”, inserire i dati relativi all'operazione:

  • la data della registrazione (01/07/2011);
  • la data dell’operazione (01/07/2011).

 

 

Premere il pulsante “Dare” o il tasto F8 per creare la linea della scrittura di prima nota relativa al conto da visualizzare come dare e compilare i campi di seguito riportati:

  • la contropartita (“Assicurazioni RCA”);
  • la descrizione (pagamento assicurazione);
  • l’importo DARE (1.000 €).

Premere il pulsante “Avere” o il tasto F8 per creare la linea della scrittura di prima nota relativa al conto da visualizzare come avere e compilare i campi di seguito riportati:

  • la contropartita (“Banca XY c/c”);
  • la descrizione (pagamento assicurazione);
  • l’importo AVERE (1.000 €).

schermata gestione competenze costi e ricaviPer registrare il risconto attivo selezionare il pulsante “RR” in corrispondenza della linea del conto "Assicurazioni RCA".
All’interno della finestra proposta:

  • selezionare la tipologia di calcolo “Risconto Anticipato”;
  • indicare l’importo (nell’esempio 1.000 €);
  • indicare l’intervallo di competenza del costo nei campi “Da Data” e “A Data” (nell’esempio dal 01/06/2011 al 01/06/2012).

Per salvare i dati inseriti premere il pulsante “Salva & Chiudi”.

Per registrare la scrittura premere il pulsante “Registra”.

scrittura contabile registrazione di un pagamento con risconto attivoÈ possibile visualizzare le scritture appena create, selezionando “Co.Ge.” e “Gestione Prima Nota”.

Alla fine dell’anno contabile, il software effettua automaticamente la chiusura e riapertura dei conti con la relativa imputazione dei costi di competenza come mostrato nella tabella seguente.

Data Conto Descrizione DARE AVERE
31/12/2011 Risconti attivi Rilevazione quota competenza 2011 500  
31/12/2011 Assicurazioni RCA Rilevazione quota competenza 2011   500
01/01/2012 Risconti attivi Riapertura anno 2012 500  
01/01/2012 Bilancio di apertura Riapertura anno 2012   500
01/01/2012 Assicurazioni RCA Imputazione costo competenza 2012 500  
01/01/2012 Risconti attivi Imputazione costo competenza 2012   500

È possibile registrare i ratei e risconti durante la registrazione dei documenti in contabilità (vedere sezione "Collegamento tra Contabilità Analitica e Contabilità Generale") e seguire la procedura sopra descritta.

Risconto passivo

Si supponga di registrare una fattura di vendita del canone di assistenza software al cliente Verdi Costruzioni per un totale di 1.200 €. L’Iva relativa a tale importo ammonta a 200 €.
La scrittura contabile relativa a tale tipologia di fattura è la seguente:

Conto DARE AVERE
Canone assistenza software   1.000
Iva c/Vendite   200
Verdi Costruzioni 1.200  

prima nota registrazione di una fattura con risconto passivoPer registrare la fattura di vendita relativa al canone di assistenza software con Edi-Max, aprire il menu “Co.Ge.” e selezionare la sezione “Inserimento Prima Nota”.
Viene proposto l’elenco delle causali contabili: selezionare la causale relativa alla fattura di vendita (FATTURA DI VENDITA). Compilare i campi necessari a descrivere la registrazione come mostrato nella figura a lato.

schermata gestione competenze costi e ricaviPer registrare il risconto passivo selezionare il pulsante “RR” in corrispondenza della linea della fattura.
All’interno della finestra proposta:

  • selezionare la tipologia di calcolo “Risconto Anticipato”;
  • indicare l’importo (nell’esempio 1.000 €);
  • indicare l’intervallo di competenza del costo nei campi “Da Data” e “A Data” (nell’esempio dal 01/12/2010 al 31/01/2011).

Per salvare i dati inseriti premere il pulsante “Salva & Chiudi”.

Per registrare la scrittura premere il pulsante “Registra”.

scrittura contabile registrazione di una fattura con risconto passivoÈ possibile visualizzare le scritture appena create, selezionando “Co.Ge.” e “Gestione Prima Nota”.

Alla fine dell’anno contabile, il software effettua automaticamente la chiusura e riapertura dei conti con la relativa imputazione dei cost/ricavi di competenza come mostrato nella tabella seguente.

Data Conto Descrizione DARE AVERE
31/12/2010 Canone assistenza software Rilevazione quota competenza 2010 500  
31/12/2010 Risconti passivi Rilevazione quota competenza 2010   500
01/01/2011 Bilancio di apertura Riapertura anno 2011 500  
01/01/2011 Risconti passivi Riapertura anno 2011   500
01/01/2011 Risconti passivi Imputazione parte competenza 2011 500  
01/01/2011 Canone assistenza software Imputazione parte competenza 2011   500

È possibile registrare i ratei e risconti durante la registrazione dei documenti in contabilità (vedere sezione "Collegamento tra Contabilità Analitica e Contabilità Generale") e seguire la procedura sopra descritta.